Arriva «Buone Notizie». Raccontiamo l’Italia del bene

Il nuovo inserto oggi in edicola gratis assieme al «Corriere». Un settimanale interamente dedicato al Terzo settore: inchieste, storie e notizie su chi si impegna per (e con) gli altri

La copertina di Buone Notizie
La copertina di Buone Notizie

Questo nuovo inserto vorrebbe trasmettere l’energia e la passione che abbiamo sentito incontrando tante persone impegnate nelle associazioni di volontariato, nelle cooperative, nelle imprese sociali, nelle fondazioni, in tante aziende: ma anche nelle parrocchie e nei centri ricreativi, nei quartieri e nei circoli culturali, negli ospedali e nelle università. Accanto al racconto delle loro storie, offriremo una parte di servizio che si propone come piattaforma editoriale per il Terzo settore: un mondo diventato in Italia, ma non solo da noi, sempre più forte e sempre più imprescindibile.

Questo inserto nasce nell’anno in cui l’attesa riforma del Terzo settore prende forma con i decreti attuativi: un modo per inquadrare meglio queste realtà, per riconoscere il valore dell’impresa sociale, per garantire le dovute agevolazioni fiscali e le garanzie di trasparenza a chi dona. Era a maggior ragione necessario offrire un progetto editoriale in grado di stare al passo con questo nuovo approccio culturale (e sostanziale) e di avvicinare i lettori alle nuove tendenze di quell’economia sociale, solidale e positiva sperimentate con successo in America e nelle società più avanzate. Tendenze che regalano anche nuove prospettive di lavoro e occupazione per i nostri giovani.

Tutta la redazione del Corriere della Sera sarà impegnata in questo sforzo comunicativo, perché il nostro dovere di cronaca ci impone di parlare di tutto il Paese e quindi anche di questa parte sana e pulsante. Accanto a noi abbiamo un comitato scientifico composto da esperti e protagonisti di questi ambiti: con loro abbiamo cercato di mettere a punto un modello di giornale adatto a chi fa volontariato e a chi non sa cosa sia. Cercheremo di arrivare in tutte le regioni d’Italia e di denunciare anche quello che non va. Insieme all’inserto parte anche un canale web con lo stesso titolo e con gli stessi obiettivi perché vogliamo sfruttare tutti i mezzi messi a disposizione dalle tecnologie e dai social per dialogare con chi ci legge.

Sarà davvero fondamentale il vostro contributo perché questo giornale lo scriveremo insieme. Noi ci mettiamo testa e cuore.

http://www.corriere.it/buone-notizie/editoriali/17_settembre_18/arriva-buone-notizie-4edfd608-9c9f-11e7-9e5e-7cf41a352984.shtml