Commercio, PD: abolita burocrazia per i mercatini occasionali

Appiano (PD): burocrazia e costi sostituiti da registro presenze, massimo 18 all’anno.

TORINO, 10 OTTOBRE 2017 – Una nuova norma per le vendite occasionali su area pubblica, ossia i mercatini degli hobbisti. E’ quanto previsto dall’emendamento del PD approvato al disegno di legge sul riordino dell’ordinamento regionale per il 2017. “La proposta – dichiara il primo firmatario, Andrea Appiano – è nata dal confronto del gruppo consiliare del Pd con l’Unione nazionale delle Pro Loco (Unpli). Attualmente – prosegue – l’hobbista deve richiedere un’autorizzazione temporanea al Comune di svolgimento del mercatino e per ogni manifestazione è tenuto al pagamento di una marca da bollo. Con l’emendamento azzeriamo la burocrazia e i costi: le autorizzazioni temporanee e le marche da bollo non saranno più necessarie. Gli attuali obblighi e procedimenti amministrativi – sottolinea – saranno interamente sostituiti da un semplice libretto in cui verranno registrate le presenze, con un massimo di 18 durante l’anno nei diversi mercatini nei comuni piemontesi. Quella degli hobbisti – conclude – è un’attività saltuaria che necessitava di una semplificazione, abbiamo così accolto quanto ci chiedevano diversi Comuni e associazioni di tutto il Piemonte”.