Giorgio Napolitano: “Intese più larghe per rilanciare la Ue, Renzi non escluda Merkel e popolari”

L’ex capo dello Stato: “L’unità di intenti non può essere delle sole forze socialiste. Non bisogna rimanere nella dimensione nazionale, occorre un balzo in avanti nell’integrazione. E in questo senso è giusta l’idea sostenuta dal presidente della Bce, Mario Draghi, di prevedere un ministro del Tesoro europeo. Qualsiasi intesa per rinnovare e far progredire l’Unione e superarne le attuali insostenibili contraddizioni deve comprendere la Germania. Penso che un leader non possa rinunciare al suo disegno, se crede in esso. Dalla Cancelliera tedesca un passo di straordinario valore politico con l’apertura ai richiedenti asilo: assecondare gli impulsi e le paure collettive scivolando nel populismo è un rischio da cui guardarsi sempre. Le divergenze tra Italia e Bruxelles? Occorre accortezza e capacità di persuasione da parte nostra”

http://www.repubblica.it/politica/2016/02/08/news/giorgio_napolitano_intese_piu_larghe_per_rilanciare_la_ue_renzi_non_escluda_merkel_e_popolari_-132974655/

Repubblica(8-2-16)Napolitano