Il Pd verso il voto: «Dimissioni? Sono state un atto di coerenza»

Notizia Oggi, Borgosesia, Lunedì 20 marzo 2017, pagina 9

Esclusa l’ipotesi di candidare l’ex sindaco Freschi. Sul tavolo anche i lavori al liceo e la sede dell’Agenzia delle entrate

 

Anche le tematiche della più stretta attualità amministrativa borgosesiana sono state al centro dell’incontro di venerdì sera “Riparte il Pd, riparte l’Italia. Verso le primarie del 30 aprile”. Al “Lingottino” di viale Varallo sono intervenuti il sottosegretario al ministero del lavoro e delle politiche sociali Luigi Bobba, il segretario provinciale Gian Paolo De Dominici e il responsabile delle politiche degli enti locali in Piemonte Andrea Pacella.

Oltre agli argomenti congressuali e nazionali, l’assise ha toccato, soprattutto per iniziativa di un pubblico in gran parte composto da “addetti ai lavori”, le recenti vicende della politica cittadina che hanno portato alle dimissioni dei consiglieri di “Per cambiare Borgosesia”. Per l’ex capogruppo Anna Urban «è stato un atto di coerenza», mentre il segretario De Dominici, una volta chiarito di aver condiviso la scelta, ha rispedito al mittente le critiche ricevute nei giorni scorsi: «Se ne sono sentite e lette di ogni, qualcuno ci ha persino definiti dei filoleghisti. Ma ci rendiamo conto da che pulpito viene la predica?» Poi l’affondo al centrodestra e all’amministrazione comunale appena commissariata: «Con l’onorevole Bobba siamo stati al liceo scientifico, il cui progetto di ampliamento sembra sparito nel nulla. Gli studenti hanno mandato una lettera in Regione e al Ministero per cercare di risolvere i problemi di spazio. Sapete chi l’ha firmata anche? Il presidente della Provincia Carlo Riva Vercellotti, espressione di quella parte politica che governa l’ente da ormai molti anni e che non è stata in grado di portare a termine i lavori di cui la scuola ha bisogno. Per non parlare della situazione relativa all’Agenzia delle entrate di Borgosesia: avevamo proposto di trasferirla nei locali, sottoutilizzati, del Centro per l’impiego, ma il Comune non ha mosso un dito. Forse preferiscono che sia accorpata con Vercelli».

Non sono mancate alcune riflessioni sulla prossima tornata elettorale. Urban, che non si ricandiderà, ha escluso un’alleanza con l’ex sindaco Alice Freschi: «L’assemblea che sta lavorando alla definizione della lista ha respinto tale ipotesi: sarebbe stata un’operazione poco coerente e che avrebbe escluso la componente di sinistra. Adesso ci piovono addosso tante critiche; è facile, però tre anni fa in tanti ci hanno voltato le spalle». Per il sottosegretario Bobba «a Borgosesia come a Varallo diventa importante entrare nelle contraddizioni dei nostri avversari. Sembravano un monolito, ora invece si sono sfaldati».