Interpellanza urgente penali gestori slot machine

ATTO CAMERA

INTERPELLANZA URGENTE 2/01767

Dati di presentazione dell’atto

Legislatura: 16
Seduta di annuncio: 727 del 03/12/2012

Firmatari

Primo firmatario: BOBBA LUIGI
Gruppo: PARTITO DEMOCRATICO
Data firma: 03/12/2012

Elenco dei co-firmatari dell’atto
Nominativo co-firmatario Gruppo Data firma
BACHELET GIOVANNI BATTISTA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
BARETTA PIER PAOLO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
BELLANOVA TERESA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
BOCCUZZI ANTONIO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
BOSSA LUISA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
CAPODICASA ANGELO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
CARELLA RENZO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
CARRA MARCO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
DAL MORO GIAN PIETRO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
DE PASQUALE ROSA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
FABBRI LUIGI MISTO-ALLEANZA PER L’ITALIA 03/12/2012
FARINONE ENRICO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
FIANO EMANUELE PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
FOGLIARDI GIAMPAOLO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
GNECCHI MARIALUISA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
GRASSI GERO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
IANNUZZI TINO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
LENZI DONATA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
LUCA’ MIMMO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
LULLI ANDREA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
MARCHI MAINO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
MARCHIONI ELISA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
MATTESINI DONELLA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
MOSELLA DONATO RENATO MISTO-ALLEANZA PER L’ITALIA 03/12/2012
NARDUCCI FRANCO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
PELUFFO VINICIO GIUSEPPE GUIDO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
PEZZOTTA SAVINO UNIONE DI CENTRO PER IL TERZO POLO 03/12/2012
PICCOLO SALVATORE PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
POLI NEDO LORENZO UNIONE DI CENTRO PER IL TERZO POLO 03/12/2012
RAMPI ELISABETTA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
REALACCI ERMETE PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
RUBINATO SIMONETTA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
SARUBBI ANDREA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
SCHIRRU AMALIA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
SERVODIO GIUSEPPINA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
TULLO MARIO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
TURCO LIVIA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
VERDUCCI FRANCESCO PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
VILLECCO CALIPARI ROSA MARIA PARTITO DEMOCRATICO 03/12/2012
BINETTI PAOLA UNIONE DI CENTRO PER IL TERZO POLO 03/12/2012
Destinatari

Ministero destinatario:

  • MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE
  • MINISTERO DELLA SALUTE

Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE delegato in data 03/12/2012

Stato iter:

IN CORSO

Atto Camera

Interpellanza urgente 2-01767

presentata da

LUIGI BOBBA
lunedì 3 dicembre 2012, seduta n.727
I sottoscritti chiedono di interpellare il Ministro dell’economia e delle finanze, il Ministro della salute, per sapere – premesso che:

in data 22 novembre 2012, il quotidiano Avvenire, in un articolo a firma di Nello Scavo, segnalava l’inchiesta che ha portato alla contestazione di penali, da parte della Corte dei conti, sentenza del 17 febbraio 2012, per quasi 100 miliardi ai gestori dei giochi Atlantis World, Giocolegale limited, Snai spa, Sisal spa, Gmatica srl, Cogetech spa, Gamenet spa, Lottomatica Videolot Rete spa, Cirsa Italia srl, H.b.G. Srl e Codere spa;

da quanto si apprende dalla citata fonte di stampa, gli stessi concessionari delle slot machine ne verseranno circa 2,7, miliardi di euro, salvo ulteriori riduzioni risultanti dai ricorsi ancora in corso;

le contestazioni riportate dalla Corte dei conti riguardavano il mancato collegamento degli apparecchi alla rete telematica dello Stato, gestita da Sogei;

sempre lo stesso quotidiano, in un’intervista al generale Umberto Rapetto, che per due anni ha lavorato all’inchiesta sulla evasione fiscale dei concessionari del gioco d’azzardo, riportava le affermazioni dello stesso generale: «A fronte degli addebiti della Procura della Corte dei Conti si è innescata una corsa per scongiurare il pagamento delle somme computate. Si è parlato di cifre “irragionevoli” e si è fatto riferimento a “multe”. Niente affatto. Erano “penali” concordate dai contraenti, su entrambi i fronti rappresentati da persone responsabili e in piena capacità di intendere e di volere. Nella primavera scorsa le società concessionarie e alcuni dirigenti dei Monopoli sono stati condannati al pagamento di complessivi 2 miliardi e 700 milioni di euro, poca cosa rispetto a quel che si era quantificato: tutte le interpretazioni contrattuali e tecniche erano andate a favore di chi non aveva rispettato o non aveva fatto rispettare il fin troppo chiaro contratto di concessione»;

lo stesso giornalista nel ricostruire la vicenda spiegava: «La connessione telematica ha il compito di rilevare il reale giro d’affari di ogni singola slot-machine in modo da determinare la correttezza del montepremi e il gettito erariale. L’esorbitante ammontare delle penali viene ricavato dalla convenzione di concessione stipulata nel 2004, che prevedeva (prima di una modifica nel 2008) una penale di 50 euro per ogni ora di mancato collegamento alla rete. Il numero degli apparecchi muniti di autorizzazione entro settembre del 2006 era raddoppiato e già a gennaio 2007 le macchinette da interrogare erano quasi 270mila»;

la riduzione dell’ammontare della penale sarebbe da ricondurre «ad una diversa quantificazione del danno e dei singoli addebiti, anche a causa delle omissioni nelle attività di controllo contestate a due dirigenti dei Monopoli di Stato»;

la Corte dei conti, nella citata sentenza del 17 febbraio 2012, ribadiva che l’indagine della Guardia di finanza «non ha evidenziato soltanto uno sperpero di risorse pubbliche a causa del pagamento per un servizio pubblico non reso, ovvero reso solo in parte, ma ha messo in luce gravissime illegalità che hanno escluso quasi del tutto l’esercizio del controllo pubblico sul gioco»;

negli ultimi anni, fino a recenti provvedimenti approvati dal Parlamento, la sensibilità verso la trasparenza dei giochi d’azzardo e quindi la definizione più capillare della gestione degli stessi, nonché il riconoscimento delle ludopatie come malattie che interessano anche i giovani, elevate a priorità da prevenire, è ampliamente cresciuta, cercando di contemperare l’esercizio del gioco responsabile agli introiti che ne derivano per lo Stato -:

se non si ritenga urgente e doveroso verificare, per quanto di competenza, eventuali responsabilità sul piano amministrativo e disciplinare in relazione a quanto emerso in premessa e assumere iniziative normative per definire meglio l’esercizio del controllo pubblico e la certezza della pena, al fine di evitare che venga vanificato l’operato delle forze dell’ordine e si dia la distorta percezione di favorire il mancato rispetto delle regole, in un settore che è peraltro soggetto ad infiltrazioni della criminalità organizzata.

(2-01767)
«Bobba, Bachelet, Baretta, Bellanova, Boccuzzi, Bossa, Capodicasa, Carella, Marco Carra, Dal Moro, De Pasquale, Fabbri, Farinone, Fiano, Fogliardi, Gnecchi, Grassi, Iannuzzi, Lenzi, Lucà, Lulli, Marchi, Marchioni, Mattesini, Mosella, Narducci, Peluffo, Pezzotta, Piccolo, Poli, Rampi, Realacci, Rubinato, Sarubbi, Schirru, Servodio, Tullo, Livia Turco, Verducci, Villecco Calipari, Binetti».