NUCLEARE. BOBBA (PD): “SOGIN SPIEGHI SE HA ADOTTATO TUTTE LE PRECAUZIONI PER EVITARE CONTAMINAZIONI DALLE VASCHE RADIOATTIVE DELL’EUREX DI SALUGGIA”.

“Anziché continuare a ad autocelebrarsi circa il rispetto dei programmi di bonifica del sito Eurex di Saluggia, come avvenuto ieri in occasione di una conferenza stampa, la Sogin dovrebbe invece spiegare se, |conformemente a quanto richiesto nell’agosto 2012 dall’Ispra, ha provveduto alla verifica dell’integrità delle linee di scarico a valle delle vasche WP718 e WP 719, alla loro copertura, alla completa caratterizzazione radiometrica del liquido e dei sedimenti presenti nei bacini e se ha potenziato i controlli ambientali nell’area limitrofa, anche attraverso la realizzazione di pozzi piezometrici. Recentemente è stato segnalato un rischio di tracimazione di una delle vasche in caso di pioggia, con pericolo di sversamento diretto del contenuto sul terreno e poi nelle falde locali e dell’Acquedotto del Monferrato, nonché nella vicina Dora Baltea”: così dichiara l’On. Luigi BOBBA (Vicepresidente della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati) che ha presentato un’Interrogazione relativa alla criticità delle vasche contenenti effluenti liquidi a cielo aperto dell’impianto Eurex di Saluggia (Interrogazione sottoscritta anche dall’On. Alessandro Bratti, Vicepresidente commissione parlamentare per i rifiuti speciali).
“Ho chiesto al Governo di chiarire sotto quale normativa nazionale ed internazione ricada in questo momento la detenzione ed il controllo di sostanze radioattive in una vasca a cielo aperto, e perché non sia stato convocato da circa un anno il tavolo della trasparenza regionale per informare la cittadinanza dell’accaduto e degli eventuali rischi”.
“Infine, credo che il Governo debba valutare di interrompere temporaneamente i lavori presso il cantiere D2 – conclude l’On. Luigi BOBBA – per prevenire rotture delle vasche ed eventuali incidenti causati dai mezzi pesanti e debba pretendere dalla Sogin informazioni precise sulle misure di sicurezza e protezione adottate per delimitare l’area circostante, salvaguardare la sicurezza dell’ambiente e dei lavoratori, ed impedire che i mezzi in transito urtino contro le vetuste vasche”.

On. Luigi BOBBA
Deputato PD
VicePresidente Commissione Lavoro