Renzi: “Non faremo il governo con Berlusconi. Grasso e Boldrini sulle orme di Fini”

Il segretario dem ribadisce il suo impegno perché ci sia un premier del Pd. “Ogni voto a Liberi e uguali è regalato alla destra”

“Una manifestazione bellissima ma non solo per la sinistra, per gli italiani. Ci sono valori che ci uniscono, ma quello più profondo è l’antifascismo”.

Da Como, dalla manifestazione “È questo il fiore”, parla il segretario del Pd Matteo Renzi. Il leader dem non si stupisce per le accuse dei Cinque stelle di strumentalizzazione della marcia contro il fascismo. “Non a caso – sottolinea il segretario – Forza Nuova ha detto ieri che il vero nemico è il Pd. Onoratissimi, noi siamo un’altra cosa”. E sui Cinque Stelle Renzi ha le idee chiare: “La contesa per il primo partito è tra noi e M5S, non faremo governi con mister Spread Berlusconi. Lavoro perché ci sia un premier pd”.

Nell’intervista Matteo Renzi parla di tutto anche di “Grasso e Boldrini sulle orme di Fini”. “È sorprendente la discesa in campo dei presidenti delle Camere. I loro predecessori non hanno brillato nelle urne. Ogni voto a Liberi e uguali è regalato alla destra”. Tornando al suo ruolo politico, Renzi afferma che la sua “fase zen è finita”. “Ora si deve lottare casa per casa. Ai dirigenti del Pd dico che non tollererò chi si rassegna al primo sondaggio negativo. Si può vincere”.

Repubblica(10-12-17)RENZI