Renzi “scombina” i piani del Pd

Lo Spiffero, Sabato 17 Febbraio 2018

Il segretario annuncia il suo arrivo a Torino per domenica 25 febbraio, mandando all’aria il calendario delle iniziative già programmate. Come il raduno dei sostenitori di Laus che, alla fine, potrebbe ospitare il leader. Torna pure il ministro Padoan

E Matteo Renzi dove lo metto? Il segretario nazionale del Pd annuncia il suo arrivo a Torino per il prossimo 25 febbraio e manda in tilt l’organizzazione del partito torinese. In quella domenica, infatti, è già in programma all’Auditorium del Lingotto l’happening a sostegno della candidatura al Senato di Mauro Laus. Improponibile, visti i tempi e le scarse forze, un’altra manifestazione. In queste ore i due segretari, il regionale Davide Gariglio e il provinciale Mimmo Carretta, stanno cercando di risolvere la questione. Tra le ipotesi quella di chiedere al leader di spostare la data, altrimenti la soluzione più probabile potrebbe essere quella di chiedere al presidente di palazzo Lascaris di “ospitare” Renzi, ovviamente allargando l’iniziativa a tutto il partito.

Due giorni prima, venerdì 23, sarà il turno, invece, del ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, capolista del listino plurinominale alla Camera, in virtù delle sue radici in quel di Maranzana, nell’Astigiano, per parte di padre. A Torino il Pd si gioca una partita importante, per questa ragione ha deciso di schierare tutti i pezzi da novanta.

Scalette tutte ancora in via di definizione, che tanto per cambiare provocano fibrillazioni nel gruppo dirigente locale, impegnato nel difficile lavoro di incastro. A quanto filtra da via Masserano, Padoan – che a Torino ha come punto di riferimento il consigliere comunale Claudio Lubatti – incontrerà i sindacati alle 10 e poi visita in General Motors, dove sono stati invitati anche il rettore del Politecnico Guido Saracco e il suo predecessore Marco Gilli, prima del pranzo con la Torino sociale del volontariato e infine un incontro con Rete Imprese Italia, che riuniscde le principali associazioni datoriali della pmi (commercio, artigianato, industria).

Settimana piena anche per Chiamparino, che ha deciso di patrocinare tutte le formazioni del centrosinistra. Lunedì parteciperà a una conferenza stampa all’ex Incet di via Cigna con Emma Bonino, martedì è impegnato in una iniziativa con la Civica Popolare di Beatrice Lorenzin e il giorno seguente assieme ai Moderati di Mimmo Portas. Insomma, il governatore piemontese ha deciso di scendere in campo, per tutta la coalizione, a partire dal Pd: la prossima settimana sarà in sei banchetti nei mercati di Torino e poi fuori dalla cinta daziaria per sostenere i suoi due assessori Gianna Pentenero e Francesco Balocco, il sottosegretario Luigi Bobba e la deputata uscente di Alessandria Cristina Bargero.